Skip to content

Lettera aperta al Consiglio di Stato ticinese

novembre 1, 2009

panchine_geloOggetto: struttura invernale per senza fissa dimora

Onorevoli consiglieri di Stato,

sottoponiamo la presente alla vostra attenzione per chiedervi una risposta chiara, possibilmente in tempi brevi, alla richiesta di apertura di una struttura invernale per persone senza fissa dimora che si trovano sul nostro territorio.
Vi rammentiamo che da gennaio di quest’anno sono state sottoposte alla vostra attenzione numerose richieste e proposte a questo proposito.

In particolare:

−    13 gennaio 09: mozione di Giuseppe Arigoni per l’”apertura di nuovi centri d’accoglienza”
−    16 febbraio 09: mozione di Pelin Kandemir Bordoli e cof. Per “centri di accoglienza”
−    25 marzo 09: consegna del progetto per una rete di centri di prima accoglienza, nel quale veniva sottolineata e motivata l’importanza di tale struttura.
−    10 giugno 09: consegna della raccolta firme a sostegno della creazione di una rete di centri di prima accoglienza, sottoscritta da oltre 2400 persone in due mesi; un periodo breve proprio per garantire una risposta in tempo utile per la struttura invernale.
−    30 settembre 09: invio di proposte concrete al direttore del Dipartimento dell’azione sociale e delle famiglie, Martino Rossi, e alla sua collaboratrice Sabina Beffa. Queste ci erano state richieste durante l’unico incontro su “centri di pronta accoglienza: petizione e mozioni al Consiglio di Stato” dell’8 settembre 09.

Siamo molto preoccupate/i per l’immobilismo pratico che ad oggi il Consiglio di Stato sta dimostrando nei confronti di un problema di sua competenza e di vitale importanza (nel vero senso del termine!).
Durante l’incontro dell’8 settembre scorso, sono stati evidenziati da parte vostra i costi da affrontare per l’apertura di un centro della Protezione civile. Parte importante dei costi riguardavano il riscaldamento – a livelli secondo noi eccessivi – di una struttura già attrezzata per l’accoglienza di persone.
Al di là della considerazione dei costi, sicuramente rivedibili al ribasso, va purtroppo  ricordato che si tratta di affrontare un’emergenza territoriale e soprattutto umana.

Infatti, se nelle stagioni dal clima più mite le persone toccate dal problema della mancanza di
un alloggio possono „ripiegare“ su soluzioni alternative, pur evidentemente totalmente inadeguate, quali un auto, case abbandonate, boschi, servizi pubblici aperti, ecc…, nel corso dell’inverno la situazione si aggrava sensibilmente.
Alla strada sono ovviamente preferibili quattro mura in cui mettere letti e cucina, acqua calda per lavare e lavarsi e 15 gradi all’interno, come già i nostri nonni e molti contadini e come ancora fanno le non poche persone che, anche oggi alle nostre latitudini, hanno scelto un modello di vita sobria.
Ebbene, sappiamo che il Cantone possiede varie strutture di cui alcune in disuso.
Chiediamo quindi ancora che ne venga messa a disposizione una in grado di ospitare un numero di persone compreso tra le 30 e le 40, e che disponga di acqua, elettricità e impianti sanitari agibili. Alle restanti esigenze vitali potrebbe provvedere un sostegno di volontariato e solidarietà popolare che sappiamo ancora presente con forza.

Quanto chiesto sopra, contribuirebbe sensibilmente ad assicurare – pur temporaneamente – un minimo di dignità a persone che si trovano in condizioni disagiate, un compito che il nostro Cantone non rinuncerà sicuramente ad assumersi per una mera questione di costi, certamente esigui.

Ringraziando per l’attenzione, restiamo in attesa di un vostro riscontro e inviamo cordiali saluti.

CC : agli organi di stampa

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: