Skip to content

Donne migranti vittime di violenze

giugno 7, 2011

L’articolo 50 della LStr è stato introdotto nella nuova legge sugli stranieri per meglio proteggere le donne migranti vittime di violenze domestiche. Questa disposizione consacra un diritto al prolungamento dell’autorizzazione di soggiorno dopo la dissoluzione del matrimonio se l’unione coniugale è durata almeno tre anni e l’integrazione riuscita. Inoltre, l’autorizzazione al soggiorno deve essere prolungata se il seguito della residenza in Svizzera s’impone per ragioni personali maggiori.

Tali ragioni sono addotte qualora la persona coinvolta sia stata vittima di violenza coniugale e che il reinserimento sociale nel proprio paese di provenienza appaia fortemente compromesso (art. 50, al.2, LStr). Un rapporto dell’Osservatorio svizzero sul diritto d’asilo e degli stranieri (ODAE – Svizzera) « Violence domestique et migrantes » è stato realizzato in collaborazione con la DAO (Féderation solidarité femmes de Suisse et du Liechtenstein) e diverse case d’accoglienza e consultori per donne. Esamina la situazione di migranti vittime di violenze a partire da casi individuali. ODAE – Svizzera arriva alla conclusione che esistono grandi lacune nella protezione di queste persone – sia sul piano legislativo che sul piano dell’applicazione della legge da parte delle autorità cantonali.

Potete richiedere gratuitamente il Rapporto compilando un formulario on-line.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: